Per info: 335-6111237

Riflessioni su…. SLA e testamento biologico

Charon_by_Dore

Questa quarta edizione del nostro convegno “Riflessioni su…” pone l’accento su una patologia altamente invalidante con ripercussioni importantissime sul piano bioetico: la SLA, sclerosi laterale amiotrofica. Patologia devastante per i malati di cui ne sono affetti e per i loro familiari, mortifica il corpo privandolo della possibilità di movimento ed autonomia conservando una consapevolezza completamente lucida. Insomma, un cervello potenzialmente al 100% incarcerato in una macchina-corpo non più in grado di svolgere le comuni attività della vita giornaliera. Dignità della vita, possibilità di scelta, diritto alla vita e diritto alla scelta sono le tematiche più scottanti che ruotano oggi intorno a situazioni limite come la SLA. Chi sceglierà per noi quando dovessimo trovarci in condizioni di non capacità di scegliere? Ecco che per tutte queste situazioni in cui non vi sia più la possibilità di esprimere il proprio parere esiste una alternativa che diventi salvaguardia della libertà quando non si è più liberi: il testamento biologico.

Questo documento, liberamente compilato e depositato presso i comuni che ne prevedono la custodia, diventa per il cittadino, una garanzia di tutela della propria libertà di scelta. Durante il convegno verrà esposto anche il caso di Volpiano, prossimo comune custode del registro per i testamenti biologici dei cittadini.

Tutto ciò verrà ampiamente discusso nel convegno promosso ed organizzato dal Circolo Culturale Tavola di Smeraldo di Volpiano in collaborazione con la struttura di ricovero per anziani e disabili gravi “Anni Azzurri” presente sul territorio dal 1972 e particolarmente attenta a queste situazioni limite. Da anni infatti si cercano soluzioni per accudire persone affette da patologie ad alto carico assistenziale ed oggi Anni Azzurri diviene una valida e professionale alternativa, vicina alle esigenze del singolo e della famiglia.

L’8 Novembre si susseguiranno relazioni ed incontri con personalità di alto livello nel mondo dell’assistenza sanitaria alle patologie con gravissimo livello di disabiltà quali la SLA. Sarà presente l’equipe del Prof Chiò di Torino, centro di eccellenza per la gestione ed il trattamento della SLA  nella Regione Piemonte nonché la Sig.ra Mina Welby, moglie del più conosciuto Piergiorgio Welby, morto per SLA di sua scelta dopo una battaglia importantissima per la difesa del diritto di scelta dei malati ad alto livello di disabilità. Con noi anche il Dr Damilano, psichiatra della nostra ASLTO4  affetto da SLA e portavoce dei diritti dei malati di questa atroce patologia.

Nel pomeriggio avremo l’occasione di sentire l’esperienza di Beppino Englaro, padre di Eluana Englaro, mantenuta in stato vegetativo per 17 anni contro la sua volontà, Mario Riccio, lo specialista neurologo che ha staccato il respiratore a Piergiorgio Welby, Maurizio Mori, presidente della Consulta di Bioetica, Don Zeppegno, ex vice parroco di Volpiano nonché voce illuminata nel panorama bioetico cattolico italiano…

Insomma un pool di relatori unico ed irripetibile, personalità che hanno fatto la storia della bioetica degli ultimi 20 anni e che sempre attivi, si battono per la tutela dei diritti dei più deboli.

Programma

Locandina

Testimonianza Welbi

Testimonianza Damilano

Facebook

Vai alla nostra pagina Facebook

Contatore visite

Contatore